Storia di Tenerife

pubblicato in: Storia | 0

Conquista spagnola - Storia di Tenerife

Un breve riassunto della Storia di Tenerife

L’inizio e la conquista spagnola

La storia di Tenerife ci narra che l’Isola era già nota ai Romani come Nivaria (dal latino nix, nivis, “neve”). Il nome era dovuto alla neve che a volte copre la cima del vulcano El Teide.

Tenerife fu l’ultima isola dell’Arcipelago delle Canarie ad essere completamente conquistata dagli spagnoli. I suoi antichi avitanti, i Guances, l’avevano divisa in nove regni e opposero una fiera resistenza alla conquista.

Ferimento di Nelson
Ferimento di Nelson

Inizialmente gli spagnoli comandati da Alonso Fernández de Lugo, subirono una cocente sconfitta per mano dei nativi, nella Prima battaglia di Acentejo del 1494. Però alla fine i Guanches capitolarono sopraffatti dall’avanzata tecnologia spagnola e da malattie alle quali non erano immuni. Il 25 dicembre 1495 i nativi dovettero arrendersi agli Spagnoli.

Come sulle altre isole dell’arcipelago, gran parte della popolazione nativa di Tenerife venne ridotta in schiavitù o dovette soccombere alle nuove malattie introdotte dagli Spagnoli. Nel frattempo sull’isola affluirono gli immigranti provenienti dall’impero spagnolo. Negli anni intorno al 1520 le foreste di pini vennero abbattute per far posto alla coltivazione della canna da zucchero. Nei secoli successivi, l’economia dell’isola poté contare anche sulla coltivazione di altri prodotti come cocciniglia vite e banani.

Il tentativo di conquista da parte degli Inglesi

Attacco di Nelson
Attacco di Nelson

Il 25 luglio del 1797 Orazio Nelson attaccò Santa Cruz de Tenerife, capitale dell’isola e quartier generale del Capitano Generale. Dopo una violenta battaglia, i britannici vennero respinti, Nelson perse il suo braccio destro e cercò di sbarcare sulla spiaggia. Il 5 settembre un altro tentativo di sbarco nella regione di Puerto Santiago venne respinto dagli abitanti della Valle di Santiago, che fecero rotolare pietre sui britannici dall’alto delle scogliere di Los Gigantes.

Nel corso del tempo poi l’Isola fu visitata da vari personaggi noti. Alexander von Humboldt ascese la vetta del Teide e decantò la bellezza dell’isola; così I turisti cominciarono a visitare Tenerife. Il numero delle visite divenne importante negli anni 1890. I siti che destarono maggior interesse erano le città settentrionali di Puerto de la Cruz e Santa Cruz de Tenerife.

In tempi moderni

Francisco Franco, prima della sua ascesa al potere venne messo di stanza a Tenerife dal governo repubblicano, preoccupato della sua influenza e delle sue tendenze politiche. Sull’Isola Franco organizzò il colpo di Stato che avrebbe prodotto la guerra civile spagnola. Le Canarie caddero in mano ai nazionalisti nel luglio 1936, la popolazione fu soggetta all’esecuzione di massa degli oppositori al nuovo regime. Negli anni 1950 la miseria del dopoguerra causò una forte emigrazione dei suoi abitanti verso Cuba e l’America Latina, in particolare verso il Venezuela.